Il Convegno, con la presenza di oltre 200 medici e professionisti del settore, è stato presentato dalla società Svizzera http://www.holisticcenter.ch oratore Dr.med. Manfred Doepp Abtwil (CH) sulle tematiche dell’ enzimologia biodinamica con prodotti ottenuti da una particolare tecnologia.
Durante il convegno sono state esposte le ricerche internazionali e le teorie derivanti dalla pluriennale esperienza di Pasquale Ferorelli che, affrontando ricerche in ambito enzimologico, è riuscito ad ottenere prodotti in grado di modulare l’attività enzimatica e di ripristinare le vie metaboliche cellulari. Dagli studi di Ferorelli si evince come tutte le patologie oncologiche, virali, diabetiche e neurodegenerative siano riconducibili ad un unico comune denominatore: l’enzimopatia. Per migliorare lo stato di salute del paziente ed intervenire sulla malattia è necessario agire sugli enzimi, unici attori protagonisti delle reazioni biochimiche che avvengono nella cellula, assumendo difatti il ruolo di “unità funzionale del metabolismo”. Quanto sopra descritto è evidenziato dai numerosi casi clinici condotti da medici, che tramite la loro pratica, convertono tali teorie scientifiche in pratica ambulatoriale e routinaria. Infatti, è stato possibile osservare risultati positivi nell’ambito della rigenerazione cellulare, evidenziando due casi in cui si è ottenuta una restitutio ad integrum della falange del dito della mano di una bambina di 3 anni e di un paziente di 70 anni in cui è stato possibile osservare la mancanza di tessuto fibrotico e la presenza delle impronte digitali. Ulteriore caso sottoposto alla platea, riguardava l’ambito oncologico e precisamente una donna affetta da tumore alla mammella, necessariamente, agli occhi dei medici, operabile tramite mastectomia poiché la massa tumorale era evidente sia al tatto che alla vista. Sottoponendo la paziente a trattamento tramite prodotti Citozeatec si sono osservati, a distanza di 6 mesi, miglioramenti in termini di regressione del tumore e delle metastasi epatiche e polmonari. Ad oggi, osservando la foto, che provoca stupore paragonandola al contesto di partenza, la paziente è salva da mastectomia e da progressione tumorale. Dai numerosi convegni internazionali, dai casi clinici risolti e soprattutto dalla partecipazione di ricercatori e medici afferenti agli istituti universitari ed ospedalieri di tutto il mondo, si evidenzia come il mondo medico-scientifico estero è consapevole che Citozeatec mette a disposizione le proprie competenze nel campo enzimologico per la salute del paziente. Purtroppo, nell’era dei cervelli in fuga, le migliori menti e le migliori aziende sono costrette ad emigrare affinché le loro intuizioni e le capacità trovino terreno fertile dove attecchire. Citozeatec è consapevole di tale fenomeno e lo vive quotidianamente rispondendo alle numerose richieste che provengono dall’estero, sia in ambito di collaborazione scientifiche che di casi clinici sottoposti. È piacevole osservare come il mondo valuti positivamente Citozeatec invitandola fortemente alla partecipazione a convegni e seminari, ma come in ogni cosa si osserva il rovescio della medaglia e dispiace scoprire che alcuni pazienti italiani utilizzino prodotti Citozeatec prescritti loro da medici esteri. Citozeatec, forte di un vivo orgoglio patriottico, non smetterà mai di lottare contro tale fenomeno e cercherà sempre di apportare risorse potenziali al territorio italiano provando ad uniformare la consapevolezza che agire sugli enzimi è possibile e che non è corretto parlare di patologie bensì di enzimopatie.

Peschiera Borromeo, 11 Dicembre 2019

Anticipazione del video del convegno di Landau. A breve verrà caricato il video integrale.